Nel secondo cantiere aperto in via Ponte Pignolo  proseguono i lavori per la posa del collettore fognario (con tecnica di scavo a cielo aperto) e della posa del pozzetto di arrivo del “no dig”.

Anche in questo caso il ritrovamento di una struttura muraria di notevole interesse archeologico ha causato ritardi.